Articoli

Un piatto tradizionale della cucina Lombarda e della Valtellina

I Pizzoccheri sono un tipo di pasta, originaria della Valtellina, che si ottiene dall’impasto di farina di grano saraceno insieme ad altri sfarinati. Una pietanza ricca di ingredienti e molto calorica!

Ingredienti (per 4 persone)

  • verza 300 g (si possono usare le coste se non avete la verza)
  • patate sbucciate 200 g
  • farina grano saraceno 350 g
  • farina normale 100 g
  • formaggio casera 400 g
  • burro 250 g
  • uno spicchio d’aglio
  • formaggio grana padano 250 g
  • sale q.b.
  • pepe nero (noi non lo abbiamo usato)
  • salvia in foglie

Procedimento

Per prima cosa sbucciamo e laviamo le patate, poi tagliamole a spicchi. A seguire stesso procedimento per la verza o le coste.

I Pizzoccheri, come da tradizione, andrebbero fatti, a mano, in casa. Noi li abbiamo comprati in un caseificio in Valtellina. 🙂

non perdiamoci in chiacchiere e procediamo con la ricetta!

Mettiamo sul fuoco una pentola grande contenente acqua e un pizzico di sale grosso, la useremo per le nostre verdure.
Appena raggiunta l’ebollizione immergiamo la verza/coste e le lasciamo cuocere per 10 minuti circa. A questo punto aggiungiamo le patate in precedenza tagliate; si abbasserà la temperatura dell acqua, una volta tornata ad ebollizione conteggiamo 10 minuti altri per la giusta cottura.

Nel frattempo in una padella sciogliamo il burro insieme ad uno spicchio d’aglio e a qualche fogliolina di salvia. Step successivo sarà quello di preparare delle striscioline o dei cubetti con il formaggio casera.

Passati i 10 minuti caliamo i Pizzoccheri nell’acqua dove cuociono verza e patate. 8/10 minuti basteranno, scoliamo i Pizzoccheri, le patate e la verza/coste.

Servendoci di un vassoio da portata: condiamo a strati con il formaggio. terminati i nostri livelli, andiamo a versare il burro fuso (senza aglio) e cospargiamo il tutto con il grana grattugiato.

Mescoliamo bene fino allo scioglimento totale dei formaggi, ora potete servire la nostra pietanza.

 

VISITA LA NOSTRA GALLERY E SCOPRI GUSTOSE E STUZZICANTI PROPOSTE!

La storica ricetta della cucina Meneghina

Oggi, direttamente dalla cucina lombarda, andremo a vedere come preparare il famoso Risotto allo Zafferano.

Ingredienti (per 4 persone)

– zafferano in pistilli 1 cucchiaino
– riso carnaroli 320 g
– burro 125 g
– cipolle 1
– Grana Padano DOP da grattugiare 80 g
– vino bianco 40 g
– acqua q.b.
– brodo vegetale 1 l
– sale fino q.b.

Procedimento:

Per prima cosa prepariamo il nostro brodo vegetale. Prendiamo una pentola e vi adagiamo le nostre verdure tagliate. Noi utlizziamo carote, sedano, cipolle e pomodori.
Ricopriamo il tutto con circa 2 litri d’acqua, accendiamo il fornello e aspettiamo fino a che il tutto non giunga ad ebolizzione. A questo puntop abbassiamo la fiamma e lasciamo cuocere per una quarantina di minuti.
il nostro brodo è pronto.

Passiamo ora alla preparazione del nostro risotto!

Prendiamo una cipolla e la tritiamo finemente. Sciogliamo mezzo etto di burro in una pentola abbastanza alta e soffriggiamo la nostra cipolla. Aggiungiamo un pochino di brodo per evitare di bruciare il soffritto.
Versiamo il nostro riso e tostiamolo per circa 5 minuti, sfumiamo con un bel bicchiere di vino bianco. è giunto il momento di utilizzare, un mestolo alla volta, il nostro brodo vegetale.

Cottura del riso: circa 20 minuti

Passati i primi 15 minuti, aggiungiamo i nostri pistilli. Mescoliamo fino a chè il risotto diventerà di colore giallo intenso.

Spegniamo i fornelli, aggiungiamo un pizzico di sale e infine mantechiamo con l’aggiunta del formaggio grattugiato. Facciamo riposare al massimo un paio di minuti, impiattiamo e guarniamo con i nostri fantastici pistilli.

Finalmente possiamo sederci a tavola e gustarci questo piatto tradizionale della Cucina Meneghina. Buon appetito!

 

VISITA LA NOSTRA GALLERY E SCOPRI GUSTOSE E STUZZICANTI PROPOSTE!