Articoli

Ingredienti per 2 persone

200g Spaghetti7/8 noci
1 spicchio d’aglio1 Broccolo
Filetti di Alici sott’olioOlio Evo q.b.
Olive taggiascheSale q.b.
Capperi
Difficoltà: facile
Preparazione e cottura: 30 min
Costo: basso

Procedimento

Rimuoviamo il gambo dal broccolo e laviamo il resto accuratamente. Mettiamo sul fuoco una pentola con abbondante acqua, da portare ad ebollizione.

Schiacciamo uno spicchio di aglio, tritiamo a coltello i capperi, le olive e le noci (grossolanamente). Teniamo tutto separato.

Rosoliamo lo spicchio di aglio in padella con dell’olio Evo. Insaporiamo con i capperi, le olive e i filetti di alici sotto olio (in precedenza sgocciolate). Lasciamo soffriggere per qualche minuto e nell’attesa immergiamo i broccoli nell’acqua che bolle.

Scoliamo i broccoli ed insieme alle noci li facciamo saltare in padella con il nostro soffritto. Prepariamo gli spaghetti, cuocendoli nell’acqua di cottura dei broccoli. Scoliamo la pasta al dente e saltiamo in padella aggiungendo un mestolo di acqua di cottura e un filo d’olio evo.

Serviamo creando un nido di spaghetti al centro e rifinendo con un filetto di alice e una noce. Il piatto è pronto.

Buon appetito Cibonauti!

Ingredienti per 2 persone

Sugo di pomodoro: 33cl Acciughe a filetti
Olive taggiaschePan grattato q.b.
CapperiAceto Bianco
Olio Evo q.b.1 Arancia
1 spicchio d’aglioSale q.b.
Foglioline di menta
Difficoltà: facile
Preparazione e cottura: 30 min
Costo: basso

Procedimento

Tritiamo i capperi, le olive e i filetti di alici e conserviamoli in ciotole separate. Mettiamo a bollire l’acqua per gli spaghetti in una pentola.

Rosoliamo in una padella l’aglio con un filo di olio Evo. Raggiunta la doratura, aggiungiamo i capperi, le olive ed un cucchiaio di aceto bianco. Dopo 5 minuti versiamo il sugo di pomodoro.

In attesa che il sugo sia pronto, aromatizziamo il pan grattato, versandolo in un padellino dove abbiamo soffritto le alici tritate con un filo d’olio Evo. 5 minuti ed il pan grattato sarà pronto.

Controlliamo l’acqua degli spaghetti, aggiungiamo un pizzico di sale grosso quando bolle. Poco dopo immergiamo gli spaghetti.

Manteniamo il sugo in cottura a fiamma bassa. Scoliamo gli spaghetti al dente ed amalgamiamoli insieme al nostro sugo. Creiamo un nido di spaghetti, rifiniamo con le olive e i capperi, un filetto di alice, il pane tostato a cascata, una grattugiata di scorza di arancia e una fogliolina di menta.

Buon appetito Cibonauti!

Per la prima volta nel capoluogo lombardo 6.000 mq dedicati a uno dei prodotti più amati dagli italiani e più conosciuti nel mondo.

La città della Pizza… per tutti! Sabato 26 e domenica 27 Ottobre la Fabbrica Orobia, situata al numero 15 dell’omonima via meneghina, ospiterà alcuni fra gli eccellenti pizzaioli della penisola.

Sta per celebrarsi un magico evento dove si potranno gustare più di 45 ricette di pizza, passando dalle più tradizionali alle più creative.

In questi due giorni si potranno anche frequentare workshop e laboratori per conoscere meglio il fantastico mondo di una delle più antiche tradizioni culinarie italiane e impararne le migliori tecniche. Perché nessuno deve essere escluso, ci saranno delle attività dedicate ai più piccini.

Non mancheranno spazi in cui poter acquistare prodotti.
Essendo il binomio pizza-birra una giocata vincente, saranno presenti due stazioni di birra artigianale.

Non si scoraggino gli amanti del nettare di Bacco perché due spazi saranno dedicati al vino. In quest’area, ad ogni creazione dei pizzaioli, ci sarà un’apposita etichetta in abbinamento tra bollicine, bianchi o rossi.

L’orario osservato sarà Sabato dalle 11.00 alle 24.00 e Domenica dalle 11.00 alle 22.00.

Per maggiori informazioni visita https://www.lacittadellapizza.it/

Un delizioso tuffo nella cucina napoletana e romana..

Un locale ampio, ben illuminato e decisamente accogliente è ciò che abbiamo trovato al nostro arrivo. Il ristorante sorge alle spalle di Corso Sempione, precisamente in via Giulio Cesare Procaccini, situandosi in una zona molto centrale di Milano ma con la giusta dose di tranquillità e intimità per i clienti. Veniamo subito fatti accomodare e rinfrescati da un ottimo flùte di prosecco e chips di patate gluten free croccanti. Si passa all’ ordinazione e optiamo per alcuni fritti come antipasto, un crocchettone da 25 centimetri con salsiccia e cime di rapa e degli straccetti di pizza fritti con pomodorini freschi. La frittura si rileva di primissimo livello e la semplicità dei piatti ne esalta i notevoli sapori.

Crocchettone di patate con salsiccia e cime di rapa

Procediamo ordinando alcuni primi tipici della cucina italiana: tonnarelli cacio e pepe, ziti alla genovese e il piatto del mese, ovvero: rigatoni con crema di broccoli e burrata. I piatti risultano preparati in maniera fedele alla tradizione e spicca l’utilizzo di un’ ottima materia prima che rende i piatti davvero piacevoli.

tonnarelli cacio e pepe

Incuriositi sempre di più, passiamo ai secondi e scegliamo: hamburger al cartoccio con zucchine, crema di patate, granella di pistacchio e mozzarella, una cotoletta ad orecchia d’elefante e calamari grigliati con lime e menta. Anche dai secondi arriva forte la conferma di un ottima qualità dei prodotti utilizzati. L’ hamburger è cotto alla perfezione ma un po’ coperto nel sapore dalla crema di patate. Il calamaro è morbido e succoso ma la salsina lime e menta si sente poco, forse andava usata con meno parsimonia. Infine la cotoletta di dimensioni davvero generose è croccante ma leggermente unta, forse causa dello spessore eccessivo della panatura rispetto a quello della carne.

calamaro lime e menta

Nel complesso è stata davvero un’ esperienza positiva, il locale è accogliente e rilassante, la cucina semplice e fatta di prodotti freschissimi ci ha fatto molto piacere. Importante e lodevole l’attenzione posta per le intolleranze con la possibilità di ordinare pietanze gluten free e senza lattosio. Oltre i piccoli difetti dai quali nessuno è omesso, il locale offre un ottimo servizio, rapporto qualità/prezzo giusto e una selezione di vini davvero equilibrata e di qualità. Un locale che consigliamo vivamente e dove ritorneremo con grande piacere e… fame!

Un piatto tradizionale della cucina Lombarda e della Valtellina

I Pizzoccheri sono un tipo di pasta, originaria della Valtellina, che si ottiene dall’impasto di farina di grano saraceno insieme ad altri sfarinati. Una pietanza ricca di ingredienti e molto calorica!

Ingredienti (per 4 persone)

  • verza 300 g (si possono usare le coste se non avete la verza)
  • patate sbucciate 200 g
  • farina grano saraceno 350 g
  • farina normale 100 g
  • formaggio casera 400 g
  • burro 250 g
  • uno spicchio d’aglio
  • formaggio grana padano 250 g
  • sale q.b.
  • pepe nero (noi non lo abbiamo usato)
  • salvia in foglie

Procedimento

Per prima cosa sbucciamo e laviamo le patate, poi tagliamole a spicchi. A seguire stesso procedimento per la verza o le coste.

I Pizzoccheri, come da tradizione, andrebbero fatti, a mano, in casa. Noi li abbiamo comprati in un caseificio in Valtellina. 🙂

non perdiamoci in chiacchiere e procediamo con la ricetta!

Mettiamo sul fuoco una pentola grande contenente acqua e un pizzico di sale grosso, la useremo per le nostre verdure.
Appena raggiunta l’ebollizione immergiamo la verza/coste e le lasciamo cuocere per 10 minuti circa. A questo punto aggiungiamo le patate in precedenza tagliate; si abbasserà la temperatura dell acqua, una volta tornata ad ebollizione conteggiamo 10 minuti altri per la giusta cottura.

Nel frattempo in una padella sciogliamo il burro insieme ad uno spicchio d’aglio e a qualche fogliolina di salvia. Step successivo sarà quello di preparare delle striscioline o dei cubetti con il formaggio casera.

Passati i 10 minuti caliamo i Pizzoccheri nell’acqua dove cuociono verza e patate. 8/10 minuti basteranno, scoliamo i Pizzoccheri, le patate e la verza/coste.

Servendoci di un vassoio da portata: condiamo a strati con il formaggio. terminati i nostri livelli, andiamo a versare il burro fuso (senza aglio) e cospargiamo il tutto con il grana grattugiato.

Mescoliamo bene fino allo scioglimento totale dei formaggi, ora potete servire la nostra pietanza.

 

VISITA LA NOSTRA GALLERY E SCOPRI GUSTOSE E STUZZICANTI PROPOSTE!

Nostalgia d’Estate al profumo di mare

Oggi abbiamo preparato un delizioso pranzetto a base di calamari. Ottimo sia come antipasto sia come secondo piatto. Passiamo ai fornelli!

Ingredienti

– calamari 2 (interi da pulire)
– mollica di pane secco
– prezzemolo a ciuffetti
– uovo 1
– sale q.b.
– pepe nero q.b.
– spicchio d’aglio
– pangrattato
– un bicchiere di vino bianco

Procedimento

Tagliare a pezzetti i tentacoli e porli in una ciotola. Aggiungere mollica di pane bagnata e strizzata, prezzemolo tritato, uovo sbattuto, sale e pepe. Mescolare e riempire i calamari con questo ripieno.
Chiudere l’apertura con uno stuzzicadenti.

In una teglia rosolare in olio Extra Vergine di Oliva uno spicchio d’aglio; unire i calamari cosparsi di pangrattato. Bagnare con un po’ di vino bianco e quando sarà evaporato, mettere il coperchio e completare la cottura.

Servire tagliati a fettine se i calamari sono grandi.

Come tagliarli? Guarda il breve video di seguito

 

VISITA LA NOSTRA GALLERY E SCOPRI GUSTOSE E STUZZICANTI PROPOSTE!

Un’inno al Mediterraneo –  La Calamarata

Cari lettori oggi andremo a preparare un primo piatto davvero unico e originale! Il Mediterraneo grazie alla sua biodiversità ci dona un’ infinità di splendidi prodotti grazie ai quali possiamo creare grandi ricette sfruttando l’assoluta qualità dei prodotti che esso offre. Andiamo a vedere quali sono gli ingredienti che ci servono per preparare questa curiosa ricetta.

 

Ingredienti:

  • Rana Pescatrice (400 gr per 2 persone)
  • Pomodorini datterini
  • Vino bianco
  • Basilico
  • Limone
  • Pistacchi
  • Mezzi paccheri

 

Procedimento:

Innanzitutto puliamo e tagliamo la rana pescatrice a cubetti e scaldiamo in una padella un filo d’olio evo e uno spicchio d’aglio. Soffritto l’aglio possiamo toglierlo e aggiungere i cubi di rana pescatrice, qualche foglia di basilico, una spruzzata di limone e completiamo sfumando il tutto con un bicchiere di vino bianco.
Lasciamo sfumare del tutto, aggiungiamo qualche pomodorino datterino per dare colore e lasciamo cuocere per circa 10 minuti.

Fatto ciò il nostro sugo è pronto, mettiamo a bollire dell’acqua in una pentola e nell’attesa ci dedichiamo ai pistacchi. Servendoci di un tagliere e di un coltello a punta li tritiamo ottenendo una granella con la quale guarniremo il piatto. Possiamo ora calare la pasta e regolare di sale, una volta completata la cottura scoliamo e saltiamo in padella con il sugo per una manciata di secondi aggiungendo un filo d’olio extravergine.

Il piatto è pronto e possiamo impiattare rifinendo con una foglia di basilico, zeist di limone e la granella di pistacchi.

Buon appetito Cibonauti!

 

VISITA LA NOSTRA GALLERY E SCOPRI GUSTOSE E STUZZICANTI PROPOSTE

Rombano i truck e le padelle degli chef stellati: IV edizione dell’Europa Street Food Festival di Pesaro

Da venerdì 22 a domenica 24 giugno, dalle 17 alla mezzanotte, il lungomare di Pesaro torna a riempirsi di gusto per la IV edizione dell’“Europa Street Food Festival”, il primo grande evento marchigiano, a ingresso gratuito, dedicato al variegato e ricco mondo del cibo di strada dove prelibatezze italiane e internazionali, piatti gourmand dal dolce al salato, si vestono a tema per incontrare la praticità dello street food.

Decine di truck provenienti da tutta Italia, le cucine itineranti provenienti dall’estero, i cooking show dei migliori chef d’Italia e della Regione, i laboratori gastronomici, gli approfondimenti su gusto e alimentazione, presentazioni di libri, concerti e un appetitoso omaggio a Gioachino Rossini, nell’anno delle celebrazioni per il suo 150° anniversario dalla morte, lungo 600 metri. Questi gli ingredienti dell’edizione 2018 di un evento capace di affermarsi, in pochi anni, come punto di riferimento nazionale per gli appassionati di street food e in grado di richiamare decine di migliaia di visitatori nella sua tre giorni.

Un pubblico entusiasta e qualificato, pronto e desideroso di assaggiare l’esperienza gastronomica unica, innovativa e smart proposta dai truck. Perché street food, oggi, significa una cucina veloce, economica, trendy e, soprattutto, gourmet.

Lo testimonieranno gli chef che si alterneranno sul palco principale dell’evento, collocato a pochi passi dalla celebre Sfera di Armando Pomodoro, che campeggia al centro del lungomare pesarese, in un piazzale della Libertà ridisegnato dalle geometrie di una cucina a vista di design. Un trono in cui si alterneranno chef del calibro di Stefano Ciotti (ore 18, venerdì 22 giugno), chef del ristorante Nostrano di Pesaro, una stella Michelin o di Errico Recanati (ore 19.30, domenica 4 giugno), chef del ristorante Andreina di Loreto, una stelle Michelin.

A loro e agli altri grandi ospiti dell’“Europa Street Food Festival” il compito di raccontare come la cucina gourmet possa essere anche “street” e possa, nel 2018, raccontare i lasciti di Gioachino Rossini, celebre compositore e appassionato ed eccelso gourmand, e presentarli in chiave 4.0, con gli occhi contemporanei della cucina italiana. Novità della IV edizione è, infatti, il coinvolgimento di tutti i partecipanti alla kermesse, al tema “rossiniano” proposto dalla città natale del Compositore e dall’organizzazione dell’evento per onorare il 150° anniversario della morte di Rossini. È così che i visitatori, in ogni truck potranno vedere, imparare a conoscere e assaggiare i piatti ideati ad hoc dagli chef di strada seguendo e studiando l’eredità di gusti, materie prime e ingredienti che resero grande il “Cigno” anche in ambito gastronomico.

Per districarsi nell’onda di gusto dell’ “Europa Street Food Festival” i visitatori potranno muoversi all’interno di tre aree tematiche: l’area “Truck Food Italia” collocata nel lungomare Nazario Sauro e in piazzale della Libertà; l’area “Street Food Europa” in viale Trieste e l’area “Eventi” in piazzale della Libertà nella quale si svolgeranno allo scoccare di ogni ora, dalle 18 alle 22, cooking show, presentazioni di libri di cucina, dimostrazioni di bartender, e talk show.

Previsto anche il “Corso di cucina a 4 mani”, sabato 23 giugno, dalle 10 alle 12, insieme a Alessandro Conte, cooking coach chef e Annalisa Calandrini, naturopata e food blogger (posti limitati. Per info e iscrizioni: [email protected])

A tenere incollati con il naso all’insù sarà un fuoriclasse del mondo dell’intrattenimento legato all’enogastronomia: Federico Quaranta, autore e conduttore Rai, storico presentatore di Decanter di Radio 2 e protagonista di La Prova del Cuoco e Linea Verde di Rai 1.

Presenti anche le aree Kids in Viale Trieste (zona giochi Viale Zara) e Concerti alla “Palla” di Pomodoro.

COSA POTRETE ASSAGGIARE:

Ecco alcuni cibi che troverete all’ESFF: tortelli di zucca, calamari, zucchine, spiedini di pesce, dolci siciliani, dolci dal Belgio, gaufre, sapori dalla Grecia, paella spagnola, carne argentina, salumi toscani, lampredotto, trippa fiorentina, ribollita, arrosticini, prodotti tipici abruzzesi, paella, fritto catalano, pulled porn, sandwich, costolette di maiale, brisket, olive vegan, bombetta, hamburger, panini di Parma, gnocco fritto, tigelle, panzerotti pugliesi, olive all’ascolana, fritto misto all’ascolana, pizza, panini vegani e vegetariani, torta fritta, puccia salentina, anche vegana, rustico salentino, pasticciotto leccese.. e tanto altro. Non mancheranno le migliori birre artigianali italiane e marchigiane e le specialità ceche. Novità 2018 anche grandi prodotti gourmet da tutto il mondo come i formaggi francesi.

PROGRAMMA

Venerdì 22.06.2018
Ore 18:00 Stefano Ciotti, Ristorante il Nostrano, Pesaro (una stella Michelin) – “Rossini meat balls”
A seguire: Conservatorio Rossini- Cerimonia di apertura
Ore 19:00 Dear Food insieme a Elisa Prioli Foodblogger & Sommelier “La ricetta che ti manca”
Ore 20:00 Marco Veglió, Ristorante il Galeone, Fano – Raffaele Papi, sommelier dell’associazione AISM Urbino – “Rossini Mare e Terra”
Ore 21:00 Maestro Pasticcere Andrea Urbani – Accademia Maestri Pasticceri Italiani www.ampiweb.it / www.guerrino.it – “Dolcezze sinfoniche rossiniane”
Ore 22:00 Roberto Dormicchi, Triglia di Bosco: “Rossini e Il panino gourmet” (battuto di filetto di marchigiana, fegato d’oca, salsa madera e tartufo nero)

Sabato 23.06.2018
Dalle 10:00 alle 12:00 Corso di Cucina a 4 Mani! Impasti free from! Un menù libero da glutine, lattosio o allergeni. Con il Cooking Coach Chef Alessandro Conte e la Naturopata Food Blogger di Amarsicucinandosano Annalisa Calandrini. Costo di partecipazione 40€ a persona posti limitati (info: [email protected])
Ore 18:00 – Il panino di Gioachino – presentato da Carlo Betti de Il Furgoncino chef truck
Ore 19:00 – Annalisa Calandrini – Food Blogger e Naturopata https://amarsicucinadosano.wordpress.com: “Mangiare a colori in modo sano per nutrire i nostri sensi”
Ore 20:00 Giuliano Pediconi “Il pane” – maestro panificatore presenta “La Filiera Attiva Mazì”
Ore 21:00 chef pizzaiolo Luciano Passeri vincitore Cuochi d’Italia programma condotto da Alessandro Borghese “La piZza Rossini a 4 mani” Associazione Cuochi Italiani
Ore 22:00 Alessandro Bonjo Bartumioli – bartender “Cocktail gourmet: dal Gioacchino dedicato a Rossini in poi.. l’arte della cucina liquida”

Domenica 24.06.2018
Ore 18:00 Federico Delmonte, Ristorante Acciuga, Roma – “Le due insalate”
Ore 19:00 Daniele Patti de Ristorante Lo Scudiero, Pesaro – “La cucina del Cigno di Pesaro”
Ore 19:30- Enrico Recanati – Ristorante Andreina, Loreto (una stella Michelin) – “Rossini a 360 (tutto in una sfera)”
Ore 20:00 chef pizzaiolo Fabio Lopez pizzaiolo calabrese – “LaPIZZA&FAMIGLIA”
Ore 21:00 – Luca Zanchetti, Osteria Zanchetti, Fossombrone – “ Il filetto alla Rossini, crudo a modo mio”
Ore 22:00 – Francesco Falasconi- campione del mondo sculture di ghiaccio “Ice evolution” spettacolo
Conservatorio Rossini – cerimonia di chiusura

La manifestazione, ingresso gratuito, ha il patrocinio del Comune di Pesaro e della CNA di Pesaro e Urbino.

Maggiori informaizoni: Europastreetfoodfestival.com