Una magnifica scoperta all’insegna dei prodotti tipici, dei sapori e delle pietanze tradizionali della Sardegna

Qualche giorno fa, abbiamo ricevuto un invito da SARDO’ – Sardinian Street Food per una degustazione dei loro prodotti. Abbiamo mangiato molto bene ed ora siamo qui a raccontarvi di seguito la nostra esperienza.

Un’insegna, con un logo che non si può non notare! Trovate il loro unico punto vendita in Piazza Argentina, 4 a Milano. Ottimo il posizionamento: strategico per il flusso costante di persone data la vicinanza con Corso Buenos Aires (una delle vie dello shopping della città meneghina) e per la super vicinanza (pochi metri) con la fermata metropolitana MM1 LORETO (linea rossa).

L’ingresso di SARDO’

Una volta arrivati, il nostro sguardo si è focalizzato sull’ingresso del locale dove risaltano due pannelli che ben illustrano i prodotti offerti ed anche il procedimento con cui vengono preparati. Molto interessante!

Cominciando a fare qualche fotografia di contesto, siamo stati individuati dallo staff che subito ha domandato se fossimo i ragazzi del Cibonauta…Super ingaggiati! Il personale di SARDO’ è stato fin da subito molto educato, disponibile e sopratutto empatico. Non è da tutti!

Molto interessante il racconto della storia di questa realtà e della valorizzazione del territorio Sardo attraverso i suoi prodotti. Tutto esclusivamente prodotto in Sardegna e importato nella città Meneghina.

Sardò nasce nel 2014 da due soci, Andrea Pusceddu e Vincenzo Vignone, uniti dal sogno di raccontare l’amore e le tradizioni culinarie della propria terra: la Sardegna. Far conoscere le sue materie prime, le sue eccellenze e le sue ricette in Italia e all’estero.

Cit. SARDO’ – http://www.sardostreetfood.it

Arriviamo alla parte più interessante: cosa abbiamo mangiato!
A parte due birre Ichnusa non filtrate, belle fresche, abbiamo assaggiato:

  • Pane Guttiau
    • snack di pane CARASAU in olio EVO e sale
  • Culurgiones
    • raviolo tipico sardo ripieno di patate e formaggio pecorino
  • Panada
    • tortino salato ripieno
  • Carasino
    • roll di pane CARASAU (più unico che raro!)

i nostri scatti fotografici…

CLICCA QUI
PER LE DESCRIZIONI DEI PRODOTTI

Noi del Cibonauta ci torneremo di sicuro, ci siamo trovati molto bene. siamo soddisfatti e piacevolmente sorpresi per tutto ciò che abbiamo potuto degustare. Grazie Sardò per questa gustosa esperienza!!!

SICURAMENTE DA PROVARE!

Sardò Piazza Argentina, 4, 20131 Milano MI
TEL: ‎+39 02 3653 9570 – [email protected]

Un delizioso tuffo nella cucina napoletana e romana..

Un locale ampio, ben illuminato e decisamente accogliente è ciò che abbiamo trovato al nostro arrivo. Il ristorante sorge alle spalle di Corso Sempione, precisamente in via Giulio Cesare Procaccini, situandosi in una zona molto centrale di Milano ma con la giusta dose di tranquillità e intimità per i clienti. Veniamo subito fatti accomodare e rinfrescati da un ottimo flùte di prosecco e chips di patate gluten free croccanti. Si passa all’ ordinazione e optiamo per alcuni fritti come antipasto, un crocchettone da 25 centimetri con salsiccia e cime di rapa e degli straccetti di pizza fritti con pomodorini freschi. La frittura si rileva di primissimo livello e la semplicità dei piatti ne esalta i notevoli sapori.

Crocchettone di patate con salsiccia e cime di rapa

Procediamo ordinando alcuni primi tipici della cucina italiana: tonnarelli cacio e pepe, ziti alla genovese e il piatto del mese, ovvero: rigatoni con crema di broccoli e burrata. I piatti risultano preparati in maniera fedele alla tradizione e spicca l’utilizzo di un’ ottima materia prima che rende i piatti davvero piacevoli.

tonnarelli cacio e pepe

Incuriositi sempre di più, passiamo ai secondi e scegliamo: hamburger al cartoccio con zucchine, crema di patate, granella di pistacchio e mozzarella, una cotoletta ad orecchia d’elefante e calamari grigliati con lime e menta. Anche dai secondi arriva forte la conferma di un ottima qualità dei prodotti utilizzati. L’ hamburger è cotto alla perfezione ma un po’ coperto nel sapore dalla crema di patate. Il calamaro è morbido e succoso ma la salsina lime e menta si sente poco, forse andava usata con meno parsimonia. Infine la cotoletta di dimensioni davvero generose è croccante ma leggermente unta, forse causa dello spessore eccessivo della panatura rispetto a quello della carne.

calamaro lime e menta

Nel complesso è stata davvero un’ esperienza positiva, il locale è accogliente e rilassante, la cucina semplice e fatta di prodotti freschissimi ci ha fatto molto piacere. Importante e lodevole l’attenzione posta per le intolleranze con la possibilità di ordinare pietanze gluten free e senza lattosio. Oltre i piccoli difetti dai quali nessuno è omesso, il locale offre un ottimo servizio, rapporto qualità/prezzo giusto e una selezione di vini davvero equilibrata e di qualità. Un locale che consigliamo vivamente e dove ritorneremo con grande piacere e… fame!

È Sant’Ambrogio e mentre Milano festeggia il suo patrono, ho deciso di andare a Verona.
Passo la mattinata a passeggiare e visitare la città. Diversi sono i luoghi d’interesse tra cui: Piazza delle Erbe, l’Arena, il Ponte di Castelvecchio e il Castello.
La fame comincia a farsi sentire. Mi metto alla ricerca di un posticino dove rosicchiare qualcosa. Uscendo dal castello svolto in una stradina stretta e corta, il vicolo Morette.  Dopo pochi passi al civico 8, l’Osteria Casa Vino.

Noto subito che il locale è quasi al completo, parliamo di 40/50 coperti tra interno e dehor. Gli arredi sono eleganti e in equilibrio tra di loro, resto colpito dall’attenzione riservata ai dettagli e all’immagine. Mise en place curata e completa.

Arrivano alcune portate ad un tavolo all’esterno, i piatti dall’aspetto molto gustoso vengono serviti agli ospiti; per curiosità comincio a consultare il menù esposto. Proposte intriganti e abbinamenti ricercati con materie prime nazionali Si lavora con prodotti di stagione.
Cucina italiana e specialità della tradizione culinaria Veneta.

Fortunatamente riesco ad accomodarmi, mi viene offerto un calice di prosecco come benvenuto e presentato il menù del giorno.

Fettuccine al tartufo nero e funghi finferli, questa è la mia scelta. Accompagno con un bel calice di Amarone della Valpolicella.
Prodotti freschi e di alta qualità.

Emerge un equilibro di sapori e consistenze davvero eccezionale. Preparazione e impiattamento sono stati aspetti molto curati.
Mi ritengo molto soddisfatto e sopratutto esco avendo mangiato molto bene e avendo speso il giusto.

Se vi trovate a Verona, non posso fare a meno di consigliarvi di provare questa Osteria. NON RIMARRETE DELUSI.

Per maggiori informazioni sul locale, visita il sito www.osteriacasavino.it