Evento-degustazione che si svolgerà presso Palazzo del Ghiaccio a Milano il 16 e il 17 Maggio 2020

Rivelati i primi nomi della terza edizione di Best Wine Stars, evento degustazione unico nel suo genere che, negli anni, ha regalato alla città di Milano coinvolgenti occasioni di scoperta e di conoscenza per gli esperti e appassionati del settore eno-gastronomico. Dopo aver animato due location d’eccezione, quali i chiostri del Museo Diocesano e la storica Rotonda della Besana, l’edizione 2020 accoglierà i visitatori provenienti da tutto il mondo presso l’iconico Palazzo del Ghiaccio, che nel suo inconfondibile parterre di oltre 2400 metri quadrati, ospiterà il 16 e il 17 Maggio 2020 le 140 cantine accuratamente selezionate da Best Wine Stars.

Realizzato da Prodes Italia srl in collaborazione con la giornalista Adua Villa, il progetto ha lo scopo di promuovere le migliori 140 cantine del panorama vitivinicolo, coinvolgendo i visitatori con masterclass e showcooking durante tutti i giorni della kermesse.

Grazie alla collaborazione con l’importatore Massucco, per la prima volta Best Wine Stars vedrà tra i suoi protagonisti due maison di Champagne: Rochet Bocart, vigneron indépendant nata nel 1956 e Trousset Guillemart, piccolo produttore di champagne situato ai piedi della Montagne de Reims.

Novità inoltre il connubio con il mondo del Design: Prodes Italia si è affidata infatti in questa nuova edizione a CASA, una catena di negozi di arredamento e oggettistica in stile contemporaneo, diffusa a livello internazionale, per la creazioni di salotti di design in perfetta sintonia con la filosofia glamour dell’evento.

Continua la lettura del comunicato stampa

Informazioni:
[email protected]

Visita il sito dell’evento:
http://www.bestwinestars.com

Per ulteriori informazioni e materiale stampa:
[email protected]
Isabella Castelli 
Prodes Italia – Press office

INCONTRI GOLOSI ALLA SCOPERTA DEI FORMAGGI ARTIGIANALI ITALIANI

Nuova location per Happy Cheese Hour: da gennaio 2020 gli appuntamenti hanno trovato casa Al Meucci, il ristorante all’interno dello store di Cargo High Tech, in via privata Antonio Meucci 43 a Milano.

Il titolo del prossimo appuntamento del 22 febbraiodalle 17:00 alle 19:00, è “Poker di Stracchini DOP”: lo stracchino è un formaggio di origine lombarda e il nome è tutto un programma. Deriva da ‘stracc’ che nel dialetto regionale significa stanco e c’è una spiegazione.

Per realizzarlo, infatti veniva utilizzato il latte proveniente da mucche stanche per la transumanza al fondovalle dopo l’alpeggio estivo. Tornando stanche, stracche nel dialetto lombardo, queste mucche producevano poco latte e con quel poco i pastori realizzavano il formaggio ‘stracchino’. Inizialmente al termine stracchino si univa il nome del luogo di produzione, da cui lo stracchino di Gorgonzola, lo stracchino di Taleggio e così via.

Il 22 febbraio in assaggio ci saranno dunque Gorgonzola DOP dolce e piccante, Taleggio DOP e Salva Cremasco DOP di Arnoldi Valtaleggio, che ha nel Taleggio DOP la punta di diamante della sua produzione, oltre a decine di formaggi prodotti con passione e alta qualità ormai esportati in più di 14 paesi al mondo.

Questo meraviglioso poker di formaggi sarà abbinato ai grandi vini dell’Oltrepò Pavese di Cantine Cavallotti di Bubbiano, che dal 1944 produce con passione alcuni dei più grandi vini lombardi: Bonarda, Buttafuoco, Pinot Nero, sia fermo sia come spumante metodo classico.
Saranno presenti inoltre D.O.I di Origine Italiana con una selezione di alcuni dei migliori salumi italiani oltre al Panificio Fantuzzi con i suoi insuperabili prodotti da forno.

Costo della degustazione: € 25,00.
Prenotazione via mail a [email protected]

Informazioni: https://www.facebook.com/FormaggItalia/

Per ulteriori informazioni:
[email protected]
339.3953585
www.formaggitalia.it

Per ulteriori informazioni e materiale stampa:
Michela Cimatoribus
Rossi&Bianchi
Via G.B. Bertini, 11 c/o inEDI
20154 Milano
[email protected]

Il Tartufo: l’oro bianco d’Alba a cui è dedicata un’intera manifestazione.

“Il Tartufo Bianco d’Alba ha una forma globosa spesso anche appiattita e irregolare, con peridio giallo pallido o anche ocraceo.
La gleba, percorsa da numerose venature bianche, molto ramificate, varia dal color latte, al rosa intenso, al marroncino. Le dimensioni sono variabili. Si raccoglie dalla tarda estate, durante tutto l’autunno, fino all’inizio dell’inverno. È un fungo assolutamente spontaneo: ad oggi non esistono tecniche di coltivazione”
Fonte:
https://www.fieradeltartufo.org/il-tartufo/tartufo-bianco-alba/

Al tartufo, protagonista assoluto delle colline piemontesi di Langhe, Roero e Monferrato, è interamente dedicata la Fiera Internazionale. L’evento, giunto ormai alla sua 89° edizione, si terrà, ogni fine settimana, dal 5 Ottobre al 24 Novembre 2019 ad Alba.

La Fiera del Tartufo, oltre a essere una splendida celebrazione dell’eccellenza della enogastronomia italiana, è un’ottima vetrina per questo pregiato prodotto: cuore della Fiera è il mercato Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba.

Nel mercato ci sarà una vera e propria autentica celebrazione di questo gioiello dell’alta gastronomia nostrana. Infatti al suo interno c’è L’Alba truffle show: Analisi Sensoriali del Tartufo, show cooking con grandi chef e Wine tasting experience. Ci sarà, oltremodo spazio per incontri e dibattiti.

Perché nessuno deve sentirsi escluso, ci sarà un’intera area dedicata ai bimbi e alle famiglie.

L’evento, grazie alla sua struttura, è certamente un’ottima occasione di aggregazione: l’enogastronomia di altissimo livello si sposa con grandi eventi di cultura e magnifici appuntamenti musicali.

Per maggiori informazioni visita il sito dedicato

CONTINUA A CONSULTARE LA SEZIONE NEWS

Golosaria Milano: la città ospita una delle manifestazioni più rilevanti dedicate al magnifico universo del cibo.

Golosaria è un evento enogastronomico, giunto ormai alla quattordicesima edizione, che si svolgerà presso l’area del MiCo FieraMilanoCity dal 26 al 28 Ottobre 2019. La città si conferma una delle più importanti per il mondo del cibo.

In queste tre giornate il tema fondamentale sarà “il cibo che ci cambia“. Se Ludwing Feuerbach aveva ragione, e noi siamo quello che mangiamo, allora la rassegna può essere un’ottima occasione da non perdere per confrontarsi e cercare di rispondere ad alcuni quesiti comuni!

Nonostante il tema ben preciso, questi tre giorni saranno dedicati al buon cibo e al buon vino: gli oltre 300 espositori presenteranno le eccellenze della propria terra.

Verrà rappresentato il gusto dell’intero stivale. Attraverso la disposizione su più livelli, saranno molte le aree presenti: a partire dal palco dedicato ad incontri e riconoscimenti, passando per il bere miscelato, arte e design che incontrano il cibo, e molto altro, fino a giungere alle 100 cantine selezionate da IlGolosario e l’area degustazione vini.

Ci saranno anche show cooking.
Può essere un fantastico momento di aggregazione da condividere con tutti i nostri cari, in quanto ci saranno anche degli spazi dedicati ai più piccoli.

Gli orari osservati saranno: Sabato 26 Ottobre dalle 12.00 alle 22.00, Domenica 27 dalle 10.00 alle 20.00 e Lunedì 28 dalle 10.00 alle 17.00. L’ultimo ingresso sarà consentito mezz’ora prima della chiusura.

Sarà possibile acquistare il biglietto di ingresso direttamente in loco oppure online, con l’applicazione, in questo ultimo caso, di uno piccolo sconto.

Per maggiori informazioni visita il sito web dedicato

Ci vediamo a Golosaria!

CONTINUA A CONSULTARE LA SEZIONE NEWS

Per la prima volta nel capoluogo lombardo 6.000 mq dedicati a uno dei prodotti più amati dagli italiani e più conosciuti nel mondo.

La città della Pizza… per tutti! Sabato 26 e domenica 27 Ottobre la Fabbrica Orobia, situata al numero 15 dell’omonima via meneghina, ospiterà alcuni fra gli eccellenti pizzaioli della penisola.

Sta per celebrarsi un magico evento dove si potranno gustare più di 45 ricette di pizza, passando dalle più tradizionali alle più creative.

In questi due giorni si potranno anche frequentare workshop e laboratori per conoscere meglio il fantastico mondo di una delle più antiche tradizioni culinarie italiane e impararne le migliori tecniche. Perché nessuno deve essere escluso, ci saranno delle attività dedicate ai più piccini.

Non mancheranno spazi in cui poter acquistare prodotti.
Essendo il binomio pizza-birra una giocata vincente, saranno presenti due stazioni di birra artigianale.

Non si scoraggino gli amanti del nettare di Bacco perché due spazi saranno dedicati al vino. In quest’area, ad ogni creazione dei pizzaioli, ci sarà un’apposita etichetta in abbinamento tra bollicine, bianchi o rossi.

L’orario osservato sarà Sabato dalle 11.00 alle 24.00 e Domenica dalle 11.00 alle 22.00.

Per maggiori informazioni visita https://www.lacittadellapizza.it/

CibArti, sia di cibo che di arti

Lungo il solco della tradizione di Domenico Cimarosa, il compositore aversano considerato uno degli ultimi grandi rappresentanti della Scuola musicale napoletana, la locanda Dodici vuole rilanciare le eccellenti tradizioni anche musicali di Aversa.

Nella serata-evento dal titolo “CibArti”, in programma giovedì 16 maggio, la guest star sarà il maestro Edoardo Amirante, violinista di pregio che si insinua nella scuola illustre di Niccolò Paganini e si esibirà con il suo gruppo in una one shot suddivisa in due momenti di alta intensità ed interamente dedicati ai partecipanti della serata “Sia di cibo che di arti”, organizzata per il mese di maggio e rigorosamente a numero chiuso. Musica, ma anche scrittura, con la presentazione del libro “Diritto alla pizza”, scritto dal noto avvocato Angelo Pisani per descrivere il fenomeno alimentare dei napoletani.

Per l’occasione ci sarà un apprezzato giudice aversano, Nicola Graziano, ad introdurre il testo di Pisani, e la Locanda 12 sfornerà la “pizza normanna”, battezzata ad hoc per la circostanza. Inoltre, per tutta la durata del mese di maggio, saranno in mostra nei locali di “12” alcune opere del pittore aversano Saverio Ferrandino.

Non poteva mancare nell’evento “CibArti”, l’eccellenza gastronomica territoriale che avrà come protagonista il pesce (bottarga di muggine, tonno rosso, pesce bandiera), oltre alla rinomata e proverbiale polacca aversana di Mungiguerra e l’asprinio di Aversa della azienda vinicola Borboni. Dodici mesi, dodici eventi scanditi dall’amore per il buon gusto della Locanda 12.

Evento patrocinato da Confesercenti a numero chiuso, riserva il tuo tavolo 3342606558-3357772999

Dodici – Locanda del Gusto
Via Cupa Scoppa, 34 Aversa CE

IL MENU’

Antipasto

Stecco di pesce bandiera ripieno di provola affumicata DOP e insalatina di misticanza

Primo

Tortello ripieno di asparagi su spuma di mozzarella di bufala DOP e bottarga di muggine

Secondo

Lingotto di tonno rosso scottato con mozzarella di bufala su panzanella di pomodoro

Dolce

Polacca aversana di Mungiguerra


Ufficio stampa GLR
Via F. Maria Briganti, 404 NAPOLI
Mail: [email protected]
Instagram: @glrcommunication

Tenuta La Cà a Best Wine Stars

Rotonda della Besana – Milano
4 e 5 maggio dalle 13:00 alle 23:00
6 maggio dalle 10:00 alle 18:00

Tenuta La Cà, innovativa azienda vitivinicola espressione del talento dei fratelli Giambenini, presenta in anteprima la sua nuova veste grafica, ma soprattutto la nuova gamma dei vini, in occasione di Best Wine Stars, presso la Rotonda della Besana di Milano, dal 4 al 6 maggio. Sarà l’opportunità per incontrare Aldo e Pietro Giambenini, farsi raccontare l’accento della loro iniziativa e degustare insieme i loro vini.

Per informazioni e appuntamenti allo stand
Rossi&Bianchi
Via G.B. Bertini, 3 – 20154 Milano
Tel. 0231810072
[email protected]

Un evento gastronomico griffato dallo chef stellato Giuseppe Molaro per rilanciare, grazie alle eccellenze campane, un territorio spesso martoriato dai media.

Ad Aversa, in quella che viene impropriamente definitiva la “Terra dei fuochi, giovedì 21 marzo saranno di scena alla “Locanda 12” nell’ordine: il Latte Nobile ed il fiordilatte di Agerola, i pomodori autoctoni di Corbara, la fresella e la pasta di Gragnano, la mozzarella di bufala di San Cipriano ed il vino Asprinio.

“Un messaggio di positività ed una risposta di qualità ai giudizi negativi che questa fertile terra sta ricevendo ormai da troppi anni”, è stato il commento di Maurizio Pollini, presidente di Confesercenti Caserta che ha dato il patrocinio ad un evento organizzato da “12 locanda del gusto” ad Aversa e già sold out.

Giovedì 21 marzo, dalle ore 20 presso la “Locanda del gusto 12” in via Via Cupa Scoppa 34 ad Aversa, si terrà l’atteso evento della nuova stagione “La primavera e mangio”.

Una serata gastronomica dall’alto significato morale e culturale per sostenere i tanti prodotti doc della Campania, anche con il patrocinio di Confesercenti Caserta, attraverso il presidente (nonchè vicepresidente di Camera Commercio Caserta) Maurizio Pollini.

“Abbiamo voluto patrocinare tutto l’evento “12 di 12” per mettere in risalto le eccellenze del territorio. Quando siamo stati coinvolti – ha spiegato Pollini – l’ho fatto per la fiducia che nutro negli autori e sono felice che questo progetto della Locanda 12 sia utile per far assaggiare i prodotti di una terra spesso ed ingiustamente martoriata. E’ un grande messaggio di positività, oltre ad un volano per lo sviluppo del turismo ed una crescita dell’occupazione. L’alimentazione è cultura e su ognuno di questi prodotti c’è una vita da raccontare”.

Il mese di marzo, infatti, sarà caratterizzato nella serata di giovedì 21 dal Latte Nobile di Agerola, prodotto esclusivamente da mucche si nutrono di con erba e senza mangimi (i nutrizionisti del Policlinico lo somministrano ai bambini ammalati di tumore), anche per realizzare il fiordilatte prodotto da Michele Pizza, presidente della Compagnia Qualità.

Un posto di rilievo avrà alla Locanda 12 il pomodoro corbarino dei “Sapori di Corbara”, un pomodoro autoctono che cresce solo in questa zona dei Monti Lattari, contenente un grado di acidità così basso che la Sbarro University di Filadelfia lo ha riconosciuto come utile a prevenire una delle tre linee di cancro gastrico. Immancabile la mozzarella di bufala della fattoria Rosano di San Cipriano di Aversa, la pasta e le freselle di Molino di Gragnano, oltre al vino asprinio di cantine Borbone della famiglia Numeroso.

La cena-evento, diffusa da Safari Studio Creativo, sarà griffata a quattro mani dallo chef-resident Vincenzo Sagliano (coadiuvato da Iván Piccolo), con il tocco di qualità dello chef stellato Peppe Molaro, da poco rientrato in Italia dopo un lungo periodo trascorso a Tokyo.

CLICCA QUI E SCOPRI IL MENU’

Evento a numero chiuso, riserva il tuo tavolo chiamando il numero della Locanda: 081.8112948

Ufficio stampa GLR
Via F. Maria Briganti, 404 NAPOLI
Mail: [email protected]
Instagram: @glrcommunication

THE GOOD BEER SOCIETY PRESENTA BIRRALP
BIRRA AD ALTA QUOTA
13° e 14° edizione

BirrAlp è ormai una tradizione: anche nel 2019 sono previste due edizioni, il 23 e 24 febbraio e il 23 e 24 marzo, come di consueto con le birre artigianali del Birrificio Italiano, presso il Rifugio Nicola ai Piani di Artavaggio.

BirrAlp è un format creato nel 2012 per unire due passioni degli organizzatori: quella per la montagna e quella per la birra artigianale. L’idea si è dimostrata vincente, come l’immediata adesione del Rifugio Nicola e del Birrificio Italiano.
Da allora si ripetono due edizioni invernali, sempre attese dagli appassionati. Il fascino di degustare una birra artigianale a 1900 metri di altezza, con panorama mozzafiato dalla terrazza panoramica del rifugio Nicola, vista in primo piano del Resegone, Grigne e Zuccone Campelli, abbracciando l’intera Pianura Padana fino alle cime degli Appennini, è qualcosa da provare una volta nella vita. Se poi la cena prevede una degustazione guidata di birre di uno dei migliori birrifici artigianali italiani, con la presenza di un Beer Expert che racconta gli abbinamenti ai piatti del rifugio, ancora meglio!

IL PROGRAMMA

Date:   Sabato 23 e domenica 24 febbraio 2019 
Sabato 23 e domenica 24 marzo 2019

Sabato: Degustazione libera delle birre abbinate a piatti tipici.

Sono disponibili le birre del Birrificio Italiano:
– Tipopils (0,33l-0,75l),
– B.I. Weizen (0,33l-0,75l),
– Sparrow Pit (0,33l),
– Bibock (0,33l-0,75l),
– Amber Shock (0,33l-0,75l),
– Asteroid (0,33l)

Ore 19.30: cena guidata e abbinamento di piatti tipici alle birre del Birrificio Italiano(consigliato pernottamento al rifugio previa prenotazione). Nell’edizione di febbraio la cena sarà guidata da Michela Cimatoribus di The Good Beer Society, mentre la cena di marzo vedrà protagonista Agostino Arioli, fondatore e birraio del Birrificio Italiano.

Il pacchetto mezza pensione
(aperitivo + cena sabato sera + pernottamento + colazione) costa 70€.
Prenotazione obbligatoria per cena e pernottamento.

Domenica: Degustazione libera delle birre abbinate a piatti tipici e musica dal vivo con I Vitelloni – il duo.

– Birre da 0,33l: 5€ 
– Birre da 0,75l: 10€

Prenotazioni: [email protected] – 0341 997939

Per scaricare locandine e menu, clicca qui.


Per info:
Michela Cimatoribus 
Rossi&Bianchi
Via G.B. Bertini, 3 – 20154 Milano
Tel. 0231810072
[email protected]

A Beer Attraction 2019 si terrà la prima edizione del premio Le Donne della Birra, assegnato alle publican che svolgono il proprio lavoro con elevata professionalità. La premiazione all’interno della consegna delle Accademie della Birra da parte del mensile Il Mondo della Birra.

Sarà possibile incontrare l’Associazione Le Donne della Birra nell’appuntamento birrario più importante dell’anno: dal 16 al 19 febbraio Le Donne della Birra saranno a Rimini a Beer Attraction al Pad. C3 Stand 183.

Inoltre, occasione imperdibile, lunedì 18 febbraio (alle ore 16 presso Beer Attraction Lab) l’Associazione consegnerà :

il Premio Le Donne della Birra 2019


alle publican e a coloro che gestiscono locali segnalate per la loro capacità di valorizzare la birra e il servizio della stessa e di garantire un pregiato punto di vista femminile nel mondo birrario. L’assegnazione avverrà nel prestigioso contesto delle Accademie della Birra consegnate dal mensile Il Mondo della Birra della Tuttopress Editrice di Milano.

Le Donne della Birra 

L’Associazione Le Donne della Birra riunisce le donne che lavorano nel settore o che, più semplicemente, amano la spumeggiante bevanda. I suoi obiettivi sono la valorizzazione del ruolo della donna in ambito birrario e la diffusione e il miglioramento della conoscenza e della cultura della birra di qualità. L’Associazione prende le mosse da un interesse crescente del mondo femminile per la birra, una bevanda dalla lunga storia e dalle grandi tradizioni che anche nel nostro Paese inizia a godere della meritata attenzione da parte dei consumatori e, soprattutto, delle consumatrici.


Associazione Le Donne della Birra – Via Antonio Cantore, 266/r – 16149 Genova – Tel. 393-9128484 e-mail: [email protected]www.ledonnedellabirra.it


Porchetta per tutti al Carroponte

Dal 18 al 21 Ottobre 2018 a Milano, si terrà l’evento in ambito food “Porchette D’Italia” presso la location Carroponte

La manifestazione è aperta al pubblico, l’accesso è gratuito.

Una volta arrivati si noteranno subito gli stand adibiti alla vendita della porchetta e delle birre.

Un’idea interessante per conoscere le diverse tipologie di porchette, a seconda della regione, preparazione, condimento e cottura.

Per conoscere gli orari visita la pagina dell’organizzatore qui.

‘Prima volta’ di prestigio per la DOC marchigiana
che giovedì 4 ottobre sarà nella sede della Federazione Italiana Sommelier
per una degustazione riservata a 100 professionisti

 

Si svolgerà nella sede della Federazione Italiana Sommelier di Roma, giovedì 4 ottobre, il seminario di degustazione “Bianchello d’Autore: alla scoperta di un vino dal sapore autentico”. Per la prima volta la DOC vitivinicola marchigiana verrà valutata da oltre 100 professionisti del settore durante un appuntamento esclusivo che coinvolgerà l’associazione guidata da Franco Maria Ricci.

L’appuntamento è in programma presso l’Hotel Rome Cavalieri, e prevede un assaggio in singolo turno accompagnato da prodotti tipici marchigiani.
Il seminario rappresenta una ‘prima volta’ significativa e un grande passo lungo la strada di promozione della DOC rappresentata per l’occasione dalle etichette di “Bianchello d’Autore”, progetto al quale partecipano le cantine:

Bruscia, Cignano, Di Sante, Fiorini,
Il Conventino di Monteciccardo, Mariotti, Morelli, Terracruda, Villa Ligi
con il sostegno di IMT – Istituto Marchigiano di Tutela Vini.

 

“Siamo onorati e impazienti di far conoscere il ‘nostro’ grande vino” dicono i produttori della DOC, tutti alla terza generazione di vignaioli, al lavoro per potenziare, attraverso innovazioni produttive, nuove conoscenze e spirito lungimirante e internazionale – le qualità di un vino “fresco, beverino, luminoso” oggi pronto a nuovi slanci.

Il Bianchello del Metauro è un vitigno autoctono simbolo di un territorio, quello della provincia di Pesaro e Urbino, particolarmente vocato alla coltivazione del Biancame che qui riesce a esprimere al meglio le sue qualità riconosciute e la sua personalità.

Una tappa importante per il Bianchello del Metauro che conferma la sua crescita in termini di qualità, produzione e notorietà.
La vendemmia in corso, dopo un’estate calda con escursioni termiche giorno/notte capaci di favorire profumi più intensi e una crescita della produzione del 15%, favorirà i numeri dei produttori di Bianchello del Metauro.

“Si preannuncia un’ottima annata soprattutto dal punto di vista qualitativo con aromi e sentori ricchi ma equilibrati” aggiungono i vignaioli di Bianchello d’Autore produttori di circa 6mila ettolitri e 400.000 bottiglie l’anno di Bianchello del Metauro (e di altrettante bottiglie di altre etichette).

Dati in crescita anche per l’export che nel 2017 ha segnato, per il gruppo, un +8% e che “per l’anno in corso ci aspettiamo arrivi al +10%”.
In generale, le cantine di Bianchello d’Autore indicano un 60% di produzione destinato al mercato locale, un 20% al nazionale e un 20% all’estero.

Scarica il comunicato stampa

Per maggiori informazioni visita il sito: Bianchellodautore.it