Un’antica ricetta che dona colore e croccantezza ai nostri carciofi

INGREDIENTI (per 2 persone):

  • carciofi Mammole n°4
  • olio per friggere 1 litro
  • 1 limone
  • sale q.b
  • pepe q.b.

PROCEDIMENTO:

Prendiamo i nostri carciofi, che come da tradizione romana saranno i Cimaroli. Detti anche Mammole. Iniziamo a rimuovere le foglie più esterne. Due strati dovrebbero bastare essendo questi molto teneri e sopratutto senza spine! Sono generalmente molto più teneri di altre tipologie dello stesso ortaggio.

Ora non ci resta che immergere i nostri carciofi in una ciotola contenente acqua fredda e succo di limone. Facciamoli sgocciolare bene e mantenendoli per il gambo, li schiacciamo su un tagliere, facendo si che le foglie si aprano. Condiamo con un pizzico di sale ed un pizzico di pepe.

Nel frattempo metteremo sul fuoco una pentola, con un bordo abbastanza alto, contenente olio per friggere. I carciofi andranno immersi totalmente.

In attesa che l’olio arrivi a temperatura, asciughiamo bene i nostri carciofi.
Possiamo utilizzare della semplice carta assorbente oppure uno strofinaccio pulito.

I carciofi, belli asciutti, vanno ora immersi completamente nell’olio bollente. Aiutiamoci con delle pinze da cucina per evitare sgradevoli schizzi d’olio sulle nostre manine.

Il tempo di cottura per ogni carciofo è di 5 massimo 6 minuti. Una volta pronto tiriamo su il nostro carciofo e lo lasciamo riposare un paio di minuti sulla carta fritti. Verrà così assorbito l’olio in eccesso.

A questo punto i nostri carciofi sono pronti per essere mangiati!
Un’ottima idea per un antipasto o un secondo piatto.
Buon appetito!

VISITA LA NOSTRA GALLERY E SCOPRI GUSTOSE E STUZZICANTI PROPOSTE!